Archivio mensile:febbraio 2016

PRURIGO NODULARE e neuropeptidi

La  Prurigo nodularis (PN) è caratterizzata dalla comparsa da papule e noduli multipli ipercheratosici, e prurito intensissimo, che porta a ridotta qualità della vita, mentre sono insufficienti le opzioni di trattamento.
 
La patogenesi non è completamente chiarita. Studi precedenti hanno dimostrato la  importanza dell’interazione tra le fibre nervose cutanee e cellule del sistema immunitario.

E’ stata dimostrata   ridotta densità delle fibre nervose intraepidermiche, e aumentati   livelli dermici di neuropeptidi come  sostanza P, peptide correlato al gene della calcitonina e fattore di crescita nervoso NGF, con  presenza importante di eosinofili e mastociti.

La interazione di questi fattori determina un rapporto complesso analizzato in questo articolo.

causa del pruritocause del prurito, cura del pruritocure del prurito, dermatologia pruritonuove cure prurito, prurito nuove cure

Eur J Pain. 2016 Jan;20(1):37-40.  The pathogenesis of Prurigo nodularis – ‘Super-Itch’ in exploration. Zeidler C1Ständer S1.

DERMATOLOGIA PRURITO, PRURITO NUOVE CURE, CAUSE DEL PRURITO,CURA DEL PRURITO, NUOVE CURE PRURITO, CAUSA DEL PRURITO, CURE DEL PRURITO,

 

Annunci

ANTAGONISTI SOSTANZA P nel prurito cronico

Il prurito di lunga durata (durata ≥6 settimane) si verifica in molte malattie
ed è   accompagnato da   perdita di qualità della vita dei pazienti, in particolare
nei casi in cui il sintomo è  senza adeguate opzioni di trattamento.
Negli ultimi anni le conoscenze sono molto avanzate; sono state definite  linee guida per il prurito cronico e  proposti farmaci di provata efficacia, anche se   molti pazienti   non sono in grado di ottenere sollievo.

Tra i nuovi approcci terapeutici promettente strategia è il blocco del neuropeptide  sostanza P .La sostanza P media effetti pro-infiammatori clinicamente rilevanti legandosi al recettore neurochinina 1 (NK-1R), per cui gli autori hanno ipotizzato che antagonisti NK-1R siano una promettente opzione terapeutica per il prurito cronico.

Diversi studi internazionali hanno  dimostrato l’effetto antiprurito dell’antagonista NK-1R aprepitant per varie forme di prurito cronico, e sono in studio nuovi antagonisti -NK-1R.

causa del pruritocause del prurito, cura del pruritocure del prurito, dermatologia pruritonuove cure prurito, prurito nuove cure

J Dtsch Dermatol Ges. 2014 Jul;12(7):557-9.  – Research in practice: substance P antagonism in chronic pruritus. Lotts T1Ständer S